Ripresa delle crociere a Savona: Costa Smeralda salpa il 10 ottobre

Ripresa delle crociere a Savona: Costa Smeralda salpa il 10 ottobre

Salperà domani dal porto di Savona Costa Smeralda, l'ammiraglia della flotta Costa Crociere alimentata a LNG

Durante un incontro tenutosi oggi al Palacrociere alla presenza di Michael Thamm, Group CEO, Costa Group & Carnival Asia, Francesco Cimmino, Comandante del Porto di Savona, Paolo Canavese, Direttore dell'Ufficio Territoriale di Savona dell'AdSP del Mar Ligure Occidentale, laria Caprioglio, Sindaco di Savona, Pierangelo Olivieri Presidente della Provincia di Savona e delle autorità locali è stata celebrata la ripresa dell’attività crocieristica anche dal porto di Savona.

La ripartenza delle crociere rappresenta un segno tangibile di ripresa di una delle filiere fondamentali per l’economia della città con ricadute positive sull’economia locale, sia in ambito portuale sia in ambito territoriale.

Costa Smeralda salperà dal suo home port domani 10 ottobre. Le operazioni di imbarco e sbarco si svolgeranno nella massima sicurezza grazie alla collaborazione di tutte le autorità locali e al Costa Safety Protocol, sviluppato dalla compagnia insieme ad un panel di esperti scientifici che contiene nuove misure operative adeguate alle esigenze della situazione COVID-19, perfettamente conformi alle disposizioni in materia definite dalle autorità italiane ed europee. Le misure principali comprendono test con tampone per tutti gli ospiti e l’equipaggio prima dell’imbarco, controllo della temperatura ogni volta che si scende e si rientra in nave, visite delle destinazioni solo con escursioni protette, distanziamento fisico a bordo e nei terminal anche grazie alla riduzione del numero di passeggeri, nuove modalità di fruizione dei servizi di bordo, potenziamento della sanificazione e dei servizi medici, utilizzo della mascherina protettiva quando necessario.

Durante l’incontro di oggi la compagnia italiana ha anche annunciato l’intenzione di donare alla città un’area giochi per bambini, da realizzare in uno spazio esterno che sarà scelto insieme al Comune e alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, ribadendo l’impegno per la città di Savona che ospita le navi della flotta dal 1996.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin