1 minuto e 37 secondi di lettura
Operativo il nuovo gate automatizzato del Terminal San Giorgio, Terminal San Giorgio ha inaugurato il nuovo gate automatizzato che velocizza gli accessi e decongestiona il traffico pesante su viale Africa. Dotato due corsie di accumulo lunghe 300 mt, tre piste di ingresso e due di uscita oltre ad un varco dedicato al ferroviario, è in grado di accogliere ogni tipologia di traffico, dai rotabili ai containers, ai carichi eccezionali. La nuova infrastruttura, che occupa circa 10.000 mq all’interno delle aree in concessione al Terminal San Giorgio, è stata progettata coerentemente con gli interventi che AdSP sta attuando per ridisegnare l’accessibilità stradale ai terminal del bacino di Genova Sampierdarena. Grazie alle due ampie corsie di accumulo lungo viale Africa, il gate appena inaugurato e già operativo, consente di accogliere all’interno del terminal una cinquantina di mezzi, decongestionando la viabilità portuale durante i picchi di traffico. Per quanto riguarda le componenti tecnologiche, le piste di accesso del nuovo gate sono completamente remotizzate e automatizzate mediante l’installazione di sofisticate telecamere e lettori laser con tecnologia RFID in grado di leggere le targhe, rilevare eventuali danni, leggere sigilli elettronici dei contenitori e quindi elaborare una gran mole di informazioni relative ai carichi che, interconnettendosi in tempo reale con il PCS del porto di Genova E-Port, consentono di velocizzare sensibilmente il sistema di accesso della merce al terminal, rendendo così più fluido il traffico in entrata e in uscita. Il gate sarà completato con l’installazione di pannelli a messaggio variabile che offriranno informazioni utili all’utenza. Per quanto riguarda la transizione energetica, la nuova infrastruttura è interamente alimentata grazie a un impianto a pannelli fotovoltaici. Il costo di realizzazione dell’opera è stato superiore ai 3 Mln di euro e costituisce un’ulteriore impegno per Terminal San Giorgio volto a consolidare la propria reputazione nel contesto del porto di Genova, sia sul piano dell’avanguardia tecnologica che delle performance operative. Guarda l’intervista a Paolo Emilio Signorini, Presidente AdSP, e a Maurizio Anselmo, Amministratore Delegato del Terminal San Giorgio.    Clcca per ascoltare il contenuto della pagina Operativo il nuovo gate automatizzato del Terminal San Giorgio, Terminal San Giorgio ha inaugurato il nuovo gate automatizzato che velocizza gli accessi e decongestiona il traffico pesante su viale Africa. Dotato due corsie di accumulo lunghe 300 mt, tre piste di ingresso e due di uscita oltre ad un varco dedicato al ferroviario, è in grado di accogliere ogni tipologia di traffico, dai rotabili ai containers, ai carichi eccezionali. La nuova infrastruttura, che occupa circa 10.000 mq all’interno delle aree in concessione al Terminal San Giorgio, è stata progettata coerentemente con gli interventi che AdSP sta attuando per ridisegnare l’accessibilità stradale ai terminal del bacino di Genova Sampierdarena. Grazie alle due ampie corsie di accumulo lungo viale Africa, il gate appena inaugurato e già operativo, consente di accogliere all’interno del terminal una cinquantina di mezzi, decongestionando la viabilità portuale durante i picchi di traffico. Per quanto riguarda le componenti tecnologiche, le piste di accesso del nuovo gate sono completamente remotizzate e automatizzate mediante l’installazione di sofisticate telecamere e lettori laser con tecnologia RFID in grado di leggere le targhe, rilevare eventuali danni, leggere sigilli elettronici dei contenitori e quindi elaborare una gran mole di informazioni relative ai carichi che, interconnettendosi in tempo reale con il PCS del porto di Genova E-Port, consentono di velocizzare sensibilmente il sistema di accesso della merce al terminal, rendendo così più fluido il traffico in entrata e in uscita. Il gate sarà completato con l’installazione di pannelli a messaggio variabile che offriranno informazioni utili all’utenza. Per quanto riguarda la transizione energetica, la nuova infrastruttura è interamente alimentata grazie a un impianto a pannelli fotovoltaici. Il costo di realizzazione dell’opera è stato superiore ai 3 Mln di euro e costituisce un’ulteriore impegno per Terminal San Giorgio volto a consolidare la propria reputazione nel contesto del porto di Genova, sia sul piano dell’avanguardia tecnologica che delle performance operative. Guarda l’intervista a Paolo Emilio Signorini, Presidente AdSP, e a Maurizio Anselmo, Amministratore Delegato del Terminal San Giorgio.  Powered By GSpeech

Operativo il nuovo gate automatizzato del Terminal San Giorgio

Terminal San Giorgio ha inaugurato il nuovo gate automatizzato che velocizza gli accessi e decongestiona il traffico pesante su viale Africa. Dotato due corsie di accumulo lunghe 300 mt, tre piste di ingresso e due di uscita oltre ad un varco dedicato al ferroviario, è in grado di accogliere ogni tipologia di traffico, dai rotabili ai containers, ai carichi eccezionali.

La nuova infrastruttura, che occupa circa 10.000 mq all’interno delle aree in concessione al Terminal San Giorgio, è stata progettata coerentemente con gli interventi che AdSP sta attuando per ridisegnare l’accessibilità stradale ai terminal del bacino di Genova Sampierdarena. Grazie alle due ampie corsie di accumulo lungo viale Africa, il gate appena inaugurato e già operativo, consente di accogliere all’interno del terminal una cinquantina di mezzi, decongestionando la viabilità portuale durante i picchi di traffico.

Per quanto riguarda le componenti tecnologiche, le piste di accesso del nuovo gate sono completamente remotizzate e automatizzate mediante l’installazione di sofisticate telecamere e lettori laser con tecnologia RFID in grado di leggere le targhe, rilevare eventuali danni, leggere sigilli elettronici dei contenitori e quindi elaborare una gran mole di informazioni relative ai carichi che, interconnettendosi in tempo reale con il PCS del porto di Genova E-Port, consentono di velocizzare sensibilmente il sistema di accesso della merce al terminal, rendendo così più fluido il traffico in entrata e in uscita. Il gate sarà completato con l’installazione di pannelli a messaggio variabile che offriranno informazioni utili all’utenza.

Per quanto riguarda la transizione energetica, la nuova infrastruttura è interamente alimentata grazie a un impianto a pannelli fotovoltaici.

Il costo di realizzazione dell’opera è stato superiore ai 3 Mln di euro e costituisce un’ulteriore impegno per Terminal San Giorgio volto a consolidare la propria reputazione nel contesto del porto di Genova, sia sul piano dell’avanguardia tecnologica che delle performance operative.

Guarda l’intervista a Paolo Emilio Signorini, Presidente AdSP, e a Maurizio Anselmo, Amministratore Delegato del Terminal San Giorgio. 

Tag:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Articoli correlati: